Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.
Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni.
L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

 

Bolles, nel suo libro "Ce l'hai il paracadute?", suggerisce la metafora del viaggio per descrivere come muoverci nella ricerca di lavoro. Nel viaggio, prima di partire, dovremmo ammucchiare sul letto due pile, quella dei vestiti/oggetti ritenuti utili per il viaggio e quella dei soldi che pensiamo di spendere. Poi, occorrerebbe mettere in valigia la metà dei vestiti/oggetti e il doppio dei soldi preventivati. Il principio si applica anche alla ricerca del proprio lavoro: abbiamo bisogno solo della metà delle informazioni che riteniamo necessarie sul mercato del lavoro, ma il doppio di quelle ritenute necessarie per su noi stessi. A chi cerca lavoro direi "non mollare se non trovi, ma cambia!". Cambia anche poco, però diversifica i canali e gli approcci, gli orari in cui ti candidati, aggiorna le prospettive, dovresti essere meticoloso nel raccogliere informazioni, trovando il tempo per riposare e distrarti: cercare é faticoso e bisogna anche ricaricarsi mentalmente di tanto in tanto.

Occorrerebbe poi lasciare il meno possibile in mano al caso, al favore, a ció che é al di fuori di te: concentrandoti, invece, sulle cose che sono in tuo potere. E costruire gli eventi che possano creare le condizioni d'incontro, perché poi accada ciò che desideri. La rivoluzione copernicana della ricerca di lavoro sta nel fatto che, prima di guardare fuori, devi guardarti dentro.

Richard Nelson Bolles,  Ce l’hai il paracadute? L’arte di trovare il tuo lavoro: come cercarlo, come cambiarlo, come crearlo, come conservarlo, Sonda, Casale Monferrato 2008

Published in Blog

Ho il piacere di annunciarvi che parteciperó alla ricerca sull'efficacia del coaching, dell'Università "La Sapienza" di Roma. L'intento sarà quello di verificarne i benefici. Chi inizierà un percorso di coaching con me, dal 7 al 21 novembre, se lo vorrà, potrà partecipare all'iniziativa, contribuendo (in forma anonima) all'analisi dell'impatto positivo che porta alle persone.
Per informazioni potete scrivermi http://www.associazionecoach.com/lefficacia-del-coaching-al-via-progetto-ricerca-aicp-collaborazione-luniversita-sapienza-roma/?fbclid=IwAR1sZGFqLGJ-GMjJbTC9L3fO2zpe82B6LyrCBzTYbjajp6U_53vGMxLInJc

Published in Blog
©2019 Davide Marino. All Rights Reserved. Designed in Torretta

Search